Archivi tag: metodo strasberg

10 regole per l’attore di Metodo

“Recitare è la capacità di reagire a stimoli immaginari e ci vogliono due requisiti : sensibilità non comune e intelligenza straordinaria per comprendere l’animo umano”Strasberg

“la memoria emotiva è all’origine di ogni opera d’arte…” Strasberg

Iniziamo con le prime 10 regole:

1 La concentrazione per l’attore è fondamentale per acuire tutti i sensi: il tatto, il gusto, l’odorato e i sensi motori(ha bisogno di essere allenata con l’aiuto di esercizi specifici)

2 Meccanismo del sè creativo, essenziale per aiutare l’attore a rendere  glie elmenti di scena “falsi” come veri ponendosi delle domande come: Se fossero veri…farei così…mi comporterei così….” Ma il sè creativo ha un limite: porta a volte l’attore a ragionare allontanandolo dal RICREARE e dunque lo porta ad una simulazione, ad imitare. Dunque non sempre funziona come meccanismo o comunque non per tutti! (solo con esercizi specifici e frequenti si può capire se è utile al proprio percorso d’attore)

3 Memoria emotiva: è la propria memoria che riaffiora con l’aiuto dei 5 sensi.Ognuno deve essere consapevoli delle proprie fonti di esperienza per la propria creatività( e unicità) con lo scopo di crescere come artista.

Ci si aiuta ad esempio per ricreare un emozione, positiva o negativa, attraverso il ricordo di quel preciso oggetto che tenevamo in mano mentre discutevamo, oppure la poltrona su cui eravamo seduti.

4 Per un attore non basta vivere una parte per una volta sola e poi rappresentarla molte altre volte. Deve  viverla ogni volta!

5 gli sturmenti dell’attore sono: la voce, il suo corpo e le sue emozioni(i suoi ricordi, il suo vissuto). L’attore non deve esercitare solo i suoi “mezzi tecnici” ma anche i suoi mezzi”interiori“. Ci sono specifici esercizi per allenare la fantasia, la concentrazione, la memoria emotiva, l’emozione in se. Importante è il training per una ttore che mira a raggiungere una totale padronanza sia dei emzzi tecnici sia del saper raggiungere facilmente ogni tipo di emozione.L’attore deve essere totalemnte consapevole di quello che sta facendo

6 L’attore deve Ricreare e non immaginare. L’abilità di ricreare è supportata d esercizi di sensoriale(attraverso i sensi)

7 L’attore non deve fingere di pensare, ma deve pensare veramente ( a volte non importa a cosa)

8 Il rilassamento è essenziale per l’attore, per il suo corpo e la sua mente. Bisogna liberarsi dalla leziosaggine delal tenzione

9 l’attore deve saper creare delle emozioni. Deve comunicare. Deve esprimere l’esperienza comunicando intensità

10 L’improvvisazione è essenziale per la ricerca del personaggio da interpretare. E’ un aprticolare processo di pensiero e di reazione, aiuta a scoprire il comportamento e l’atteggiamento logico del personaggio senza restare ancorato alla battuta.. E’ necessario epr la spontaneità della scena. L’imprvvisazione non consiste nell’improvvisare aprole, ma nella ricerca di stati d’animo ed emozioni. Creare e ricreare emozioni.

Una sintesi in 10 punti che proseguirà presto con altri 10 punti!

Il metodo Strasberg può aiutare l’attore lì dove non riesce. Non è l’unica possibilità. Ma è uno strumento in più.

Patricia

(se i registi Italiani anche i più giovani capissero che è fondamentale la bravura di un attore nei loro film,o cortometraggi allora finalmente anche in Italia avremmo la figura dell’ACTING COACH!)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

IL GIORNO PIU’ LUNGO:IL PROVINO

consigli per il giorno del provino:

  • Vi consiglio di mettere la sveglia un ora prima del solito altrimenti arriverete al provino con i segni del cuscino sul viso!
  • Appena svegli bevete un bicchiere d’acqua e poi andate di corpo; vi assicuro che fare un provino col mal di pancia è terribile!
  • Stiratevi, sgranchitevi…rilassatevi (e non vi riaddormentate!)
  • E’ arrivato il momento di lavarsi: una doccia lenta e rilassante (se avete seguito il consiglio n.1), non usate tinte nuove… andare al provico coi capelli fosforescenti potrebbe creare qualche problema all’operatore!
  • No no non prendete i soliti jeas perchè sono comodi: oggi vi tocca l’abito bello, quello pulito stirato e profumato, ma scomodo! Se bello vuoi apparire… Soffri, soffri, soffri! Importante: indossatelo all’ultimo momento pericolo macchieeee! E non vi mettete maglioni a righe o gonne a righe: in video vengono malissimo!
  • Se adottate il metodo Starsberg sapete come concentrarvi: 20 minuti di sensoriale (ma chiudete le finestre altriementi se i vicini vi vedono crederanno che siate impazziti).
  • In tutto ciò dovete ripassare la memoria: mentre vi fate la doccia, mentre vi vestite. Non accedete il cellulare… non leggete le mail … niente… nemmeno questo blog… concentratevi e ripassate la memoria.
  • Qualunque mezzo usiate (auto, moto, bus, tram, metro, navi, aerei, elicotteri privati) arrivate in anticipo, fatevi un giro del palazzo, prendetevi un caffè, e poi andate.
  • Siete dentro: davanti a voi una fila di bellissime ragazze (e ragazzi). No, non vi deconcentrate, non è lo struscio. E’ un provino. Ci tenete? Allora concentratevi: pensate ai sottotesti del vostro personaggio e a nient’altro. Ripassate la memoria.
  • Ecco tocca a voi: sorriso smagliante, positività, concentrazione… viaaaaaaa!:-)

Patricia

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria