Archivi tag: Bernardo bertolucci

Io e te: torna Bertolucci dopo 9 anni!

 

Come appasionata di Godard non potevo non essere una fan anche di Bernardo Bertolucci.

Dopo 9 anni di assenza, torna Bertolucci con tutti i suoi temi.Molti punti di contatto con il suo ultimo film “The dreamers”. Anche qui ci troviamo davanti attori giovani ed uno spazio chiuso. Anche qui si fa cenno al complesso di Edipo e all’innamoramento, seppur in maniera totalmente diverso, tra fratelli.

Ma “Io e te” è tratto dal libro di Niccolò Ammaniti, e con la sceneggiatura scritta da Bertolucci, Contarello, Marsciano e Ammaniti è un film riuscito!

Il film racconta la storia del quattordicenne Lorenzo che ha palesi difficoltà di rapporto con i coetanei. Ma forse il suo problema più grande è l’incomprensione dei genitori, che vorrebbero avere un figlio normale.

Così Bertolucci apre con una scena, deludente forse rispetto al film, in cui il ragazzo parla con lo psicologo che apputo sottolinea la sua diversità.

Così Lorenzo coglie l’occasione che gli si presenta: a scuola organizzano la gita in Montagna. Lui fingerà di partire facendo felici i genitori e si chiuderà in cantina con Tex, libri e formiche!

Il film comincia qui. Momenti magici e poetici ed emozionanti si susseguono.

L’ingresso della sorellastra Olivia tossicomane ricorda molto Godard, il suo stile a cui da sempre si ispira. Coperta da un grande cappotto che la fa sembrare un gorilla, scopre improvvisamente una chioma folta di capelli bondi!Questo è cinema!

Insomma possiamo dirlo il grande regista di Parma ritorna dopo anni di silenzio con il suo sedicesimo lungometraggio e ancora una volta ci lascia senza fiato.

Grazie a un casting accurato, che gli ha permesso di scegliere due corpi e due volti che si imprimono immediatamente nella memoria dello spettatore, due giovani esordienti Tea Falco e Jacopo Olmi.

Un film che ancora una volta si svolge in un luogo chiuso. Questa volta è una cantina. Ma è propio lì che Lorenzo comincierà a scoprire la vita e ad aprirsi.Lorenzo porterò con se un formicaio. Ma a differenza delle formiche con una vita sociale rigidamente strutturata, Lorenzo e Olivia sono due personalità che hanno cercato, ognuna a suo modo, di sfuggire al vivere comune. Incompresi ognuno a suo modo. Unici e soli.

Bertolucci riesce sempre ad essere profondo,a d avere un suo punto di vista. Devo dire che stavola ha scelto un romanzo che non mia aveva convinto. MA è riuscito a migliorarlo. Nell’atmosfera, nella poesia e anche nella profondità. ovviamente è un film d’autore, per cui non è un film per tutti. Chi ama solo i film d’azione non lo

vedrà di sicuro.

Insomma Maestro è tornato alla grande ora aspettiamo il prossimo che a quanto pare, sarà un colossal!

W Bertolucci e il buon cinema Italiano

Patricia

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

I 10 film d’amore più belli del passato: Buon San Valentino

Ecco i 10 film d’amore( e d’autore) più belli del passato:

Ultimo Tango a Parigi di Bernardo Bertolucci

Come eravamo Sidney Pollack

Questa è la mia vita di Godard

Il principe delle maree con Barbra Straisand e Nick Nolte

I ponti di Madison County Clint Eastwood

Bande a Parte di Godard

Lezioni di Piano di Jane Campion con Holly Hunter

La vita è meravigliosa di Frank Capra

Harry ti presento Sally con Meg Ryan

Ghost con Demi Moore e Patrick Swayze

ma aimè ce ne sono molti altri e altrettanto belli…per questo non me la sento di fare un elenco in ordine numerico…ma solo un elenco di alcuni dei film che considero davvero belli ed emozionanti!

Buon San Vaentino

Patricia

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Cannes: Bertolucci Vince!

Ieri sera si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della sessantaquattresima edizione del Festival di Cannes.

che ha visto premiato il regista Bernardo Bertolucci con una speciale Palma d’oro alla carriera che lo vede come terzo regista nella storia del festival, dopo Clint Eastwood e Woody Allen.


Bernardo Bertolucci famoso per “L’ultimo tango a Parigi” che fece scandalo per la sua trama e per le scene considerate troppo audaci, arrivò all’apice della sua carriera quando vinse, con “L’ultimo imperatore”ben 9 OSCAR nel 1987!

Oggi è a Cannes e riceve il emritatissimo premio alla Carriera!

Questo blog dedicato a Godard ,per altro il  “Guru” di Bertolucci,vuole ringraziarlo  per i suoi meravigliosi film!

Patricia

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Bertolucci ama Godard

 

“La mia magnifica ossessione” scritti, ricordi e interviste del grande Bernardo bertolucci uscito nel 2010.

Un libro pieno di sogni, insegnamenti e spiegazioni ma sopratutto incontri che gli hanno cambiato la vita.

Esattamente a metà libro(pag 145) Bertolucci parla dei uno dei suoi grandi amori artistici:Godard.

Racconta il suo amore per la Nouvelles Vagues al punto che  a vent’anni al suo primo film e quindi alle prime interviste chiedeva ai giornalisti di poterla fare in francese, lasciando perplessi i giornalisti. Ma era troppo grande il suo amore per i film francesi che quasi li preferiva a quelli italiani.

Il suo primo incontro con Godard avvenne a Cannes nel 1964. Bertolucci era lì a portare il suo film  “Prima della rivoluzione”. Film respinto dalla critica eppure…Godard si avvicinò a lui e gli fece i complimenti.A Godard era piaciuto!

Presto vi racconterò altri capitoli di questo meraviglioso libro

 

Patricia

 

 

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Bertolucci: “Torno a Fare Cinema!”

 

Ed ecco una vera NEWS: Bertolucci dopo 7 anni torna sul set! E progetta un film tratta dall’ultimo romanzo di Niccolò Ammaniti “Io e Te”.

Cosa ci avrà trovato nel romanzo da fargli venire la voglia di farlo diventare film, un suo film,lo si può scoprire solo leggendo questo romanzo.

E’ la storia di un ragazzino sui 15 anni poco comunciativo e chiuso in sè. Dall’atteggiamento aggressivo inizialmente, poi cerca di conformarsi alla massa ma non ci riesce. Lo psicologo farà sorridere i genitori quando gli dirà che il ragazzo è troppo pieno di sè.

Così il ragazzo per “tranquillizzare” i genitori decide di mentire, comunicando loro che partirà per un viaggio con i compagni di classe. La gioia dei genitori è infinita, il loro figlio finalmente si è integrato.

Ma la parte bella deve ancora venire. Forse la parte che mi fa capire perchè Bertolucci abbia scelto questo romanzo, per altro scritto benissimo.

Il ragazzo invece di partire, si chiuderà in una cantina vicino casa a leggere libri e a mangiare tonno sorseggiando coca cola. Chiuso in sè e felice di essere solo.

Ma un giorno i piedi di una ragazza entrano in quella cantina…impossibile nascondersi!

Sarà lei, la sorellastra, ad aiutarlo a diventare un uomo…

Lascio a voi la lettura del libro.

Ma io ho una gran voglia di vedere il prossimo film di Bertolucci.

Chi scriverà la sceneggiatura? Quando cominceranno a  girare il film?

Ma sono sincera la cosa che mi allieta è sapere che Bertolucci torna!Finisce così il suo periodo buio? lo spero di cuore.

Per ora ringrazio Bertolucci che  ha annunciato a sorpresa il suo ritorno da New York, dove in questi giorni il MoMa lo sta celebrando con una grande retrospettiva.

Come vorrei essere a New York!

Patricia

 

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria