La Pecora Nera: un film da ascoltare


 

Ed ecco Ascanio Celestini che osa indossare le vesti del regista! Eccoci con “La Pecora Nera” il suo primo film presentato alla 67 edizione del festival di Venezia.

La Pecora Nera è un film sul disagio. Un film che paragona il manicomio al carcere. E questo arriva tutto! Devo dire che da’ proprio l’angoscia vedere sbarre, cancelli e stranze completamente spoglie.

Un film che non si può proprio considerare un film.  Infatti la voce Off di Ascanio ci spiega tutto, momento per momento quello che accade, anche troppo!

Ma questo film annulla le barriere tra colui che viene considerato “pazzo” e colui che “non lo è”. Non è chiaro dove uno si trova, se è al di quà o al di la’ di quelle sbarre. Il manicomio di per sè un’ istituzione terrificante, ma forse anche la vita a volte lo è…ci racconta il fuori dal manicomio sempre in un interno…all’interno di un supermercato. Dove tutti sono alienati. La bella Maya Sansa si ritrova nei panni di una triste commessa che tutti i giorni deve fare il caffè. Annoiata e stufa di quel’aroma.  E poi c’è Nicola, che potremmo definire l’alter ego di Celestini, la sua ombra, la sua coscienza dir si voglia! Ma questo non è chiaro fin da subito…

Un film un po’ teatrale, un po’ libro, un po’ di un po’!Diciamo che Ascanio porta il suo modo di essere in questo film, quindi ci piace;-)

 

Patricia

 

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...