10 regole per l’attore di Metodo


“Recitare è la capacità di reagire a stimoli immaginari e ci vogliono due requisiti : sensibilità non comune e intelligenza straordinaria per comprendere l’animo umano”Strasberg

“la memoria emotiva è all’origine di ogni opera d’arte…” Strasberg

Iniziamo con le prime 10 regole:

1 La concentrazione per l’attore è fondamentale per acuire tutti i sensi: il tatto, il gusto, l’odorato e i sensi motori(ha bisogno di essere allenata con l’aiuto di esercizi specifici)

2 Meccanismo del sè creativo, essenziale per aiutare l’attore a rendere  glie elmenti di scena “falsi” come veri ponendosi delle domande come: Se fossero veri…farei così…mi comporterei così….” Ma il sè creativo ha un limite: porta a volte l’attore a ragionare allontanandolo dal RICREARE e dunque lo porta ad una simulazione, ad imitare. Dunque non sempre funziona come meccanismo o comunque non per tutti! (solo con esercizi specifici e frequenti si può capire se è utile al proprio percorso d’attore)

3 Memoria emotiva: è la propria memoria che riaffiora con l’aiuto dei 5 sensi.Ognuno deve essere consapevoli delle proprie fonti di esperienza per la propria creatività( e unicità) con lo scopo di crescere come artista.

Ci si aiuta ad esempio per ricreare un emozione, positiva o negativa, attraverso il ricordo di quel preciso oggetto che tenevamo in mano mentre discutevamo, oppure la poltrona su cui eravamo seduti.

4 Per un attore non basta vivere una parte per una volta sola e poi rappresentarla molte altre volte. Deve  viverla ogni volta!

5 gli sturmenti dell’attore sono: la voce, il suo corpo e le sue emozioni(i suoi ricordi, il suo vissuto). L’attore non deve esercitare solo i suoi “mezzi tecnici” ma anche i suoi mezzi”interiori“. Ci sono specifici esercizi per allenare la fantasia, la concentrazione, la memoria emotiva, l’emozione in se. Importante è il training per una ttore che mira a raggiungere una totale padronanza sia dei emzzi tecnici sia del saper raggiungere facilmente ogni tipo di emozione.L’attore deve essere totalemnte consapevole di quello che sta facendo

6 L’attore deve Ricreare e non immaginare. L’abilità di ricreare è supportata d esercizi di sensoriale(attraverso i sensi)

7 L’attore non deve fingere di pensare, ma deve pensare veramente ( a volte non importa a cosa)

8 Il rilassamento è essenziale per l’attore, per il suo corpo e la sua mente. Bisogna liberarsi dalla leziosaggine delal tenzione

9 l’attore deve saper creare delle emozioni. Deve comunicare. Deve esprimere l’esperienza comunicando intensità

10 L’improvvisazione è essenziale per la ricerca del personaggio da interpretare. E’ un aprticolare processo di pensiero e di reazione, aiuta a scoprire il comportamento e l’atteggiamento logico del personaggio senza restare ancorato alla battuta.. E’ necessario epr la spontaneità della scena. L’imprvvisazione non consiste nell’improvvisare aprole, ma nella ricerca di stati d’animo ed emozioni. Creare e ricreare emozioni.

Una sintesi in 10 punti che proseguirà presto con altri 10 punti!

Il metodo Strasberg può aiutare l’attore lì dove non riesce. Non è l’unica possibilità. Ma è uno strumento in più.

Patricia

(se i registi Italiani anche i più giovani capissero che è fondamentale la bravura di un attore nei loro film,o cortometraggi allora finalmente anche in Italia avremmo la figura dell’ACTING COACH!)

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...