“La Nostra Vita”:vince la legalità o l’illegalità?


Seduata in un cinema pienissimo di persone…tutte per vedere il film “la nostra vita” titolo perfetto!

Proprio della vita di tutti i giorni parla il film del bravissimo regista Daniele Luchetti.

Il film vola che è una bellezza, fa sorridere, persino ridere e commuovere.

Ci fa vedere davanti agli occhi l’italia in cui viviamo: meglio stare nell’illegalità!

Non è un bel messaggio ma è un messaggio reale!

Elio Germano(premiato a Cannes come miglior attore) emoziona in ogni reazione, in ogni battuta. Potrei citare tantissimi momenti in cui è davvero bravo. Lacrime vere, sguardi veri. Questo è il lavoro dell’attore. Lavorare con la propria intimità. Con i propri pensieri e coinvolgere.

Sorprendente anche Raul Bova che però cade nella seconda parte. Elio riesce a trascinarlo ma solo fino ad un certo punto. Diciamo che Raul Bova tiene le scene di ironia e le scene in movimento, ma appena gli si chiede una reazione…non arriva nulla!La  maestria del regista si vede anche qui…sono certa che molti primi piani gli sono stati tolti al montaggio…ma questo dovremmo cheiderlo a Daniele Luchetti🙂

Bravissime anche le attrici femminili: Isabella Ragonese che vediamo solo nella prima parte del film ma che tiene benissimo il suo personaggio e  Stefania Montorsi che più di una volta ci da’ delle reazioni non male!

Una sceneggiatura salda(Rulli, Petraglia, Luchetti), ironica con una sua morale. Forse più forte nella prima parte. Un po’ didascalica la scena tra Claudio(Elio Germano) e Giorgio Colangeli da lì un calo di intensità ed un finale forse banale, buonista ma che, diciamocelo, ci piace lo stesso. Ci commuove, ci tocca.

Bravissimi i bambini!Bella la scena del bambino con i soldi in mano alla cassa, una scena forte e coraggiosa. Arriva come un fulmine!

Toccante come viene raccontato il disagio e la sofferenza dei bambini: la pipì a letto tipica reazione dell’infanzia, il desiderio di parlare con la mamma usando il suo cellualre e la seduta spiritica….

Interessante il modo in cui il film è girato: viene molto usata la macchina a spalla. Inquadrature mai statiche e sempre leggermente mosse, tanti primi piani e spesso al amcchina alle spalle degli attori.

Si vede che Daniele Luchetti sa lavorare con gli attori, gli da’ quel respiro creativo che pochissimi registi sanno fare. Si vede che gioca con la macchina da presa cercando inquadrature originali e cinematografiche( ricorda un po’ i fratelli Dardene?).

L’unica cosa che mi dispiace…è non essere stata su quel set!

Patricia

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...